Home / Vivi Bariano / Commenti / Tari: costi 2018 e riflessioni

Tari: costi 2018 e riflessioni

Tabella 1 - Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nelle tabelle 1 e 2, abbiamo raccolto alcuni dati sui costi e sulle tariffe della Tari per gli anni 2015/2016/2017 e 2018.

Alcune riflessioni

I costi del Servizio

L’andamento dei costi (fissi e variabili) determina l’andamento delle relative tariffe (fissa e variabile) delle Utenze domestiche. Il costo complessivo del Servizio determina l’andamento delle tariffe per le utenze non domestiche.

I mq delle Utenze domestiche sono diminuiti nel 2016 (rispetto al 2015), aumentati nel 2017 e di nuovo aumentati nel 2018 (+ 2.519 mq sul 2015). Quelli delle Utenze non domestiche sono aumentati (di poco), ma costantemente (+1.286 mq sul 2015).

Il numero di abitanti è in calo, lieve, ma costante (- 106), mentre i nuclei famigliari diminuiscono di 4 unità. Con 106 abitanti in meno, produciamo 19.594 kg di rifiuti in più (4,5 kg in più per abitante).

I costi del servizio sono diminuiti nel 2016 e nel 2017 (rispetto al 2015), ma poi sono aumentati per il 2018 (+ 8.575,37 €).

Tabella 2 - Clicca sull'immagine per ingrandirla

I problemi

  • LE UTENZE – I costi del servizio sono ripartiti in percentuale tra le Utenze domestiche e quelle non domestiche (77% per le Utenze domestiche e 23% per quelle non domestiche). Le percentuali sono state determinate in via presuntiva. Ma quanti rifiuti producano gli abitanti di Bariano e quanti ne producano le diverse attività, nessuno lo sa con precisione. Le percentuali sono stimate, ma non reali. E, se fate due conti, non rappresentano nemmeno i mq previsti per ciascuna delle due tipologie di utenza. In questi post avevamo fatto alcune proposte per migliorare la raccolta rifiuti, compresa quella di poter suddividere in modo più esatto i costi del servizio, per avere tariffe più reali, definendo meglio l’incidenza dei costi del servizio sulle Utenze domestiche e su quelle non domestiche. Noi abbiamo proposto di calcolare meglio l’immondizia prodotta dalle utenze non domestiche (solo perché sono di meno rispetto a quelle domestiche e quindi è più semplice la misurazione) con l’introduzione, per un congruo periodo di tempo, di sacchi con colore diverso che possano essere stimati e/o pesati così da determinare con più esattezza le due incidenze sui costi del servizio. Può essere un primo passo. Nello stesso tempo, sulla base di positive esperienze fatte in altri Comuni della bergamasca, stiamo valutando e approfondendo il sistema di raccolta dei rifiuti basato sulla “tariffa puntuale”. Il sistema, non si basa più solo sul metodo presuntivo e sul criterio dei metri quadrati dell’immobile, ma anche su quanti rifiuti sono prodotti e differenziati. L’utente paga per quanto rifiuto indifferenziato produce: quindi meno rifiuti indifferenziati produce, meno spende. Il metodo di rilevamento della quantità di rifiuti prodotti attraverso cui si calcola la tariffa dei rifiuti in maniera equa e trasparente, è reso possibile dalla misurazione dei conferimenti dei rifiuti indifferenziati – residuo secco – che sono contati attraverso un sistema di lettura elettronico. Si tratterà di valutare i costi e i benefici del sistema per capire quanto possa essere o meno applicato anche nel nostro paese.
  • I COSTI DELLO SPAZZAMENTO STRADE – Rispetto al 2017, i costi complessivi del servizio per il 2018 sono aumentati di 14.433,80 € (863,83 € di costi variabili e 13.569,97 € di costi fissi). Il grosso dell’aumento è dovuto all’aumento dei costi di spazzamento e lavaggio delle vie comunali (+ 11.785,36 €). Ma perché il costo è aumentato in questo modo? Il 31/12/2016 ha dato le dimissioni l’operaio specializzato che era impiegato nell’area tecnica. Tra le varie mansioni svolte, era prevista anche quella della pulizia delle strade e il suo costo era imputato in quello del personale dipendente. Nel 2017, il lavoro è stato eseguito in gran parte con gli LSU (Lavoratori socialmente utili), mentre per il 2018 è previsto l’affidamento alla Ditta che si occupa già della spazzatura strade prevista nei costi fissi del servizio di raccolta rifiuti. Questo spiega l’aumento dei costi relativi. Quindi, per questo motivo, stiamo pagheremo 2,75 € in più per abitante o, se preferite, 4,5 centesimi in più per mq.

Controlla anche

Le previsioni per il 2019-2020

Nel consiglio comunale dello scorso mese di luglio è stato approvato il Documento Unico di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.