Home / Vivi Bariano / Comune / Un libro per Bariano?

Un libro per Bariano?

Lo ha deciso l’Amministrazione comunale anche dopo la bocciatura del suo Progetto che la Regione Lombardia non ha ammesso al finanziamento.

I

Il 29 maggio, la Regione Lombardia, con l’avviso unico 2017 relativo ad interventi per attività culturali, prevede la possibilità di chiedere finanziamenti ai Comuni che presentino progetti ad hoc.

Con delibera del 30 giugno 2017, la Giunta comunale di Bariano approva il progetto per partecipare all’avviso di Regione Lombardia (denominato “Promozione educativa e culturale – Linea 2”)
Il progetto dell’Amministrazione comunale prevede:

  • n. 4 giornate di visite guidate al territorio di Bariano con la collaborazione di guide professionali accreditate. La prima domenica, presumibilmente a settembre: visita guidata alla Chiesa Parrocchiale, dello Stallo Misericordia, della Chiesina dell’Annunciata, del Convento dei Neveri e della Chiesa della Madonna del Carmelo; le successive domeniche o giorni prescelti saranno invece proposte solo visite guidate; allestimento rinfresco, presso lo Stallo della Misericordia in occasione dell’inaugurazione del ciclo di visite guidate. Ad integrazione di ciò si ipotizza di coinvolgere gli insegnanti delle Scuole presenti sul territorio per far conoscere alle classi quarte e quinte della Scuola Primaria e le classi della Scuola Secondaria di Primo Grado i beni di rilevanza storica che insistono sul territorio di questo Comune.
  • Al fine di contribuire a rivitalizzare il tessuto sociale ed economico della comunità, si intende realizzare una bibliografia storica del paese, con il supporto di un professionista ricercatore ed esperto. In particolare si prevede di realizzare la stesura e stampa di un libro documento storico-fotografico legato alle arti, mestieri locali e tradizioni del passato. Si provvederà quindi all’organizzazione di una mostra fotografica di arti, mestieri e tradizioni locali che sarà allestita nella sala espositiva di proprietà comunale presso lo Stallo della Misericordia.

Le spese previste sono:

  • Visite Guidate 600 €
  • Buffet inaugurazione 500 €
  • raccolta materiale, studio storico per stesura libro fotografico arti e mestieri locali 4.000 €
  • impaginazione e redazione libro e stampa 6.900 €
  • Mostra fotografica di arti e mestieri locali 1.500 €
  • stampa depliant e volantini pubblicitari 500 €

Per un totale complessivo di € 14.000,00 dei quali, nelle intenzioni, la metà sarebbe finanziata con risorse proprie del Comune, mentre l’altra metà dovrebbe essere finanziata con il contributo della Regione.

Il 3 agosto, viene pubblicata la graduatoria delle domande presentate per il finanziamento in regione e quella di Bariano non viene finanziata. Complessivamente, in Regione sono arrivate 158 domande, 97 sulla cosiddetta linea 2 (quella a cui ha partecipato anche il comune di Bariano). Delle 97 domande, 38 sono state approvate e finanziate, 59 non sono state finanziate per non avere raggiunto il punteggio minimo richiesto (48 punti). La domanda di Bariano (il progetto è stato denominato “Un salto nel passato”) si è classificata al 65° posto con 33 punti.

Lasciamo perdere? Assolutamente no.

Preso atto del mancato finanziamento, con delibera del 28 agosto, la Giunta ritiene di procedere comunque con la realizzazione di un libro/documento che racconti attraverso fotografie d’epoca e brevi descrizioni i mestieri, le arti e le tradizioni del passato, gli eventi storici, le curiosità e gli spaccati di vita vissuta dal dopoguerra agli anni 70-80.
Il progetto è finanziato con risorse proprie per l’importo di €. 7.000.
Si raccoglierà però direttamente il materiale fotografico, reperibile sia presso privati cittadini che Associazioni locali, scuole ed eventuali altri soggetti o istituzioni che ne abbiano la disponibilità, e sarà conferito un incarico esterno per la stesura dei testi che dovranno essere inseriti nel volume e per la proposta di formattazione/impaginazione dello stesso. 3.500 € saranno riservati ai costi relativi alla stampa, L’altra metà per le altre spese.

Considerazioni

  • Il basso punteggio conseguito a livello regionale, non indica direttamente la qualità del progetto, ma certo non la esalta, mentre fa capire come l’iniziativa non fosse strutturata in modo tale da superare almeno il livello minimo di ammissione. Un altro buco nell’acqua, anche se, questa volta, il progetto è stato almeno presentato.
  • La nostra contrarietà alla stampa di un libro di questa fattura, l’abbiamo già espressa nel consiglio comunale del mese di luglio. Ma ora, senza un esperto che cerchi e organizzi il materiale fotografico, quale valore “culturale” potrà avere questo progetto?
  • Noi avremmo preferito mantenere ed iniziare da settembre con le visite guidate (che dovrebbero però essere riprese nella convenzione che sarà rivista con il Convento dei Neveri tra qualche tempo. Quando, ancora non si sa).
  • Ancora di più, avremmo preferito che le risorse impiegate nel progetto, visto che la stessa Amministrazione si lamenta spesso sulla loro scarsità in generale, fossero destinate ad altre iniziative (per le associazioni – sabato 9 settembre si terrà una cena solidale in favore delle Associazioni di Bariano – per la manutenzione delle varie aree di sosta nel Serio lasciate in stato di completo abbandono – il bosco dei Bambini è stato interessato anche da un incendio recente – Solo per fare alcuni esempi, ma ce ne sarebbero diversi altri).

Per noi un mezzo pasticcio inutile.

In realtà, un libro sulla storia di Bariano esiste già, ma anche quello immaginato dall’Amministrazione nel suo progetto esiste. Provate a questo link

Controlla anche

Modificato il progetto del nuovo campo di beach-volley

Con delibera n. 105 del 24 settembre 2018, la Giunta ha modificato il Progetto definitivo-esecutivo …

Un commento

  1. Ritengo inutile l’iniziativa.
    Dal momento in qui, oltre che la Regione non sostenga il progetto. se proprio si vorrebbe fare questa cosa che non è da un certo punto di vista sbagliato!
    Aspetterei che anche l’immobile del Restelú fosse ristrutturato per avere più materiale storico da far visitare alle scolaresche.
    Adesso io non so di che natura sono i costi per una ristrutturazione di questo sito, e a chi toccherebbe il costo dell’operazione.
    Si certo è un peccato vedersi cadere sotto gli occhi tale bellezza storica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.