Home / ViviBariano / Comune / Ponte sulla Morla: un appalto tribolato

Ponte sulla Morla: un appalto tribolato

Interessante e, per certi versi paradossale, l’iter per l’assegnazione del progetto della strada e del ponte sulla Morla. Le regole non funzionano un granchè e andranno cambiate.

C

on determinazione n. 116 del 07/09/2016, che aveva come oggetto: “Aggiudicazione incarico relativo al servizio di redazione del progetto definitivo ed esecutivo per la realizzazione di tratto di strada e di ponte sulla roggia Morla per il collegamento della zona industriale all’opera connessa alla Bre.Be.Mi.”, si è dato il via all’appalto per la realizzazione del progetto.
L’importo della prestazione era previsto pari ad € 35.631,18 oltre cassa previdenziale ed i.v.a. di legge.

E’ stata aperta una gara alla quale hanno partecipato 3 professionisti, gli stessi che entro le ore 11.30 di martedì 23 agosto 2016, termine massimo per la presentazione delle offerte, avevano manifestato il loro interesse per la progettazione dell’opera.
Si è provveduto pertanto ad attivare in data 30 agosto 2016 le procedure di cottimo fiduciario (ad invito diretto) per l’incarico professionale.

Il progetto è stato così affidato all’ing. Vincenzo Palma di Giugliano in Campania (Na), mandatario capogruppo di raggruppamento temporaneo da costituire, per l’importo di € 15.000,73 oltre cassa 4% ed i.v.a. al 22% (€ 19.032,92 compresa cassa al 4% ed i.v.a. al 22%), avendo offerto un ribasso del 57,90% sull’importo massimo calcolato.

Il 12 settembre 2016, però, con determinazione n. 118, si è revocato l’incarico all’ ing. Palma e lo si è aggiudicato all’ing. Riccardo Auteri di Cagliari, secondo classificato nella graduatoria delle offerte, vista la rinuncia all’incarico professionale presentata dall’ing. Palma in data 08 settembre 2016 a seguito di “motivi imprevisti ed imprevedibili sopraggiunti su fatti specifici”.

Il nuovo progetto dell’ing. Riccardo Auteri, mandatario capogruppo di raggruppamento temporaneo da costituire (Manconi Geol. Simone e Cireddu Ing. Riccardo), avendo offerto un ribasso del 43,10% sull’importo massimo, ammonta ad €20.274,14 oltre cassa 4% ed i.v.a. al 22% (€25.7 23,83 compresa cassa al 4% ed i.v.a. al 22%).

Alcune considerazioni.

• Diffidiamo sempre dei ribassi troppo elevati e il 57,90% ci sembra tale.
• L’inaffidabilità del primo assegnatario si è poi rivelata con la successiva rinuncia per “motivi imprevisti e imprevedibili sopraggiunti su fatti specifici”. Possibile che un professionista rinunci all’incarico dopo aver partecipato e vinto la gara? Evidentemente sì, ma il fatto non è molto coerente.
• Non abbiamo nulla contro i professionisti di Cagliari, Giuliano o Cosenza, quello che ci interessa è che il progetto sia fatto bene e seguito meglio da chiunque se lo sia aggiudicato. Ma è fuori dubbio che un progetto da seguire da centinaia di chilometri di distanza, comporta dei costi logistici che altri non avrebbero. In questo senso, o si fa parte di un grande studio con sedi in tutto il territorio nazionale, ma difficilmente questi intervengono su progetti di piccole dimensioni come il nostro, oppure è inevitabile che i costi si ripercuotano sul progetto stesso. E il tutto entra in contraddizione con i grandi ribassi praticati. Eppure nessun professionista della zona ha manifestato il suo interesse per il progetto. Probabilmente è la stessa normativa sugli appalti che può portare a questi risultati, ma è uno dei motivi per cui andrebbe ripensata.
• Nel frattempo, sarebbe però opportuno che l’Amministrazione contattasse dei professionisti più vicini a Bariano, per riunirli in un elenco attraverso il quale possano partecipare agli appalti dei vari progetti.

Per i lavori della scuola media, invece, con determinazione n. 117 del 07/09/2016, si è deciso di coinvolgere per il confronto competitivo finalizzato all’affidamento diretto i 7 (sette) professionisti che hanno manifestato il loro interesse all’affidamento del servizio, gli stessi che entro le ore 11,30 del giorno di martedì 23 agosto 2016, termine massimo per la presentazione delle offerte, avevano presentato le richieste di affidamento.
L’appalto è stato vinto e affidato all’Ing. Nicola Franzese di Cosenza (CS), per l’importo di € 5.026,28 oltre Cassa 4% ed I.V.A. al 22% (€ 6.377,34 compresa Cassa al 4% ed I.V.A. al 22%), avendo offerto un ribasso del 68,35% sull’importo massimo.

Come volevasi dimostrare.

Controlla anche

Il Palazzo al festival: mancavano i Barianesi.

Il 21 ottobre 2016 abbiamo pubblicato un post dal titolo “Il Palazzo al festival” (che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.